MAFIA III: È il degno erede di Mafia 2?

postato in: Articoli, Gaming Reviews | 0

In tanti aspettavamo con ansia il nuovo seguito della serie ‘Mafia’ di 2k Games, ma l’attesa è stata ricompensata?  Nì.

Il gioco soffre di problemi tecnici, come al solito derivati dalla fretta di vendere il titolo, che gli hanno causato numerose pessime recensioni da parte degli utenti che si sono sentiti offesi da quantità considerevoli di bug e glitch grafici (siamo ancora nei primi giorni post day one quindi magari, e francamente lo spero, verranno risolti). Per non parlare del cap, rimosso poi in seguito, a 30fps per la versione PC. Ma i difetti tecnici non sono certo finiti, anche graficamente si distacca, similmente a come successe per Watch Dogs, dalla versione mostrata alle fiere, e se per i pc-isti è un problema da niente correggere eventuali illuminazioni scadenti grazie agli sweet FX, lo stesso non vale per i giocatori console (vedi screenshot).

immagine

Finiti di elencare i problemi tecnici che sono pressoché incontestabili, passiamo a quelle mancanze che fanno storcere particolarmente il naso ai fun della saga ma che magari possono non interessare ad un normale videogiocatore.

La più evidente mancanza è il sistema di scassinamento di porte e veicoli, se il primo è stato sostituito da un minigioco fin troppo semplice, il secondo è stato completamente rimosso. Ebbene si, in Mafia 3 basterà premere l’apposito tasto per rubare una macchina con estrema facilità. “Tutto nella norma”, potrebbe esclamare un giocatore che non ha mai giocato i capitoli precedenti e invece no, in Mafia 2 vi era la possibilità di decidere se rompere il finestrino, generando rumore che attirerà l’attenzione dei passanti e dunque della polizia e rovinerà inoltre la vettura, oppure di scassinare la portiera con un piede di porco per poi, tramite un minigioco la cui difficoltà varia a seconda della rarità del veicolo, poter rubare l’auto.  Questo è solo uno dei numerosi aspetti che lasciano l’amaro in bocca ai giocatori di vecchia data. Altri esempi sono gli interrogatori, le cui vittime sono sempre identiche, che si limitano a dover spaventare il proprio bersaglio guidando in modo pericoloso l’auto e facendo, dunque, incrementare l’apposita barra del terrore, oppure la gestione dei boss che, una volta fatti fuori tutti gli scagnozzi, dovranno essere crivellati di colpi, nonostante il resto dei nemici muoia con un sol colpo, finché non si accascino per terra pronti per essere interrogati.immagine1

Ma nonostante i numerosi difetti del titolo, Mafia 3 risulta comunque godibile per la coinvolgente trama, la guida quasi simulativa dei veicoli che non ha niente a che fare con GTA V o simili e le animazioni facciali dei personaggi e del protagonista che aumentano ancor di più l’immersione e l’immedesimazione del giocatore.

In definitiva Mafia 3 è un acquisto obbligatorio per i giocatori di vecchia data a causa della coinvolgente storia che regala numerose chicche ai fun più anziani, mentre per chi si sta avvicinando alla serie Mafia con questo capitolo consiglio di giocare almeno Mafia 2 che è senza ombra di dubbio un capolavoro.